Lezioni Parigine d’Architettura

22,00

di PierAntonio Val

 

Le lezioni tenute a Parigi, all’Università di Paris Val de Seine, sono il pretesto per meditare su alcune polarità: trasmissibilità, verità relazionale, nuovo, antico e passato prossimo, progetto-costruzione-manutenzione, progetto aperto, trasformazione continua. Sono queste alcune delle espressioni che cercano di evocare una sorta di campo di forze del progetto contemporaneo da condividere.
Sullo sfondo c’è il senso dell’insegnamento dell’architettura, il difficile compito di contestualizzare e di trasmettere non tanto gli strumenti tecnici della disciplina, ma la poiesis: la pratica, le ragioni di praticare l’architettura, ovvero la capacità di prefigurare e di interpretare la cultura, le modificazioni e le specificità del nostro ambiente, tra passato prossimo e futuro prossimo. Questioni che il testo affronta in maniera non sistematica né dottrinale, ma attraverso la ricerca di una pedagogia, che tenta qui di iniziare da una metaforica tensione tra Parigi e Venezia.

Lezioni Parigine d'Architettura

Lecons Parisiennes d'Architecture

di PierAntonio Val

Quest’opera riguarda una produzione architettonica pratica e teorica che interroga – direttamente o metaforicamente – le questioni dei fondamenti del progetto moderno. È un’opera che copre tre temporalità. Innanzitutto la questione della pluralità e della stratificazione del tempo alla quale sono confrontate due realtà urbane profondamente diverse come Parigi e Venezia. Come agisce il tempo della modernità transitoria, fuggitiva, contingente come l’ha definita Charles Baudelaire a proposito di Constantin Guys, nel Le Peintre de la vie moderne? E Venezia puo’ essere interpretata come il luogo di una nuova modernità capace di “manifestare storicamente una doppia disponibilità, quella di cambiare e di stratificare e nello stesso tempo di resistere nel tempo malgrado una modificazione continua?”
PierAntonio Val mette in scena congiuntamente le facoltà di analogia e di differenziazione tra le realtà e le temporalità di queste due grandi identità urbane europee […]

Donato Severo, Introduzione

Quest’opera riguarda una produzione architettonica pratica e teorica che interroga – direttamente o metaforicamente – le questioni dei fondamenti del progetto moderno. È un’opera che copre tre temporalità. Innanzitutto la questione della pluralità e della stratificazione del tempo alla quale sono confrontate due realtà urbane profondamente diverse come Parigi e Venezia. Come agisce il tempo della modernità transitoria, fuggitiva, contingente come l’ha definita Charles Baudelaire a proposito di Constantin Guys, nel Le Peintre de la vie moderne? E Venezia puo’ essere interpretata come il luogo di una nuova modernità capace di “manifestare storicamente una doppia disponibilità, quella di cambiare e di stratificare e nello stesso tempo di resistere nel tempo malgrado una modificazione continua?”
PierAntonio Val mette in scena congiuntamente le facoltà di analogia e di differenziazione tra le realtà e le temporalità di queste due grandi identità urbane europee […]

Donato Severo, Introduzione

Lezioni Parigine d'Architettura

Lecons Parisiennes d'Architecture

Tipologia | Monografia

Genere |  Saggio

Collana |  Poiesis

Autore | PierAntonio Val

ISBN | 978-88-85446-38-0

Edizione | marzo 2018

Lingua | Italiano + Francese

Formato | 17×24 cm

Pagine | 160

Stampa | Colore

Rilegatura | Brossura filo refe

Dimensioni 24 × 17 × 1.2 cm

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Lezioni Parigine d’Architettura”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

COD: LEZ_VAL Categoria: Tag: , , ,
Updating…
  • Nessun prodotto nel carrello.